Italiano |  English

Newsletter

Identità

Tra sostenibilità e creatività

Punto di riferimento è la valorizzazione della materia di scarto, una materia che richiede cura, rispetto e ricerca delle sue potenzialità espressive, nell’idea che le risorse non sono infinite e che essere scarto non vuol dire essere materiale povero.

 

La materia è viva, generativa di pensieri, tramite di conoscenze. Ha una capacità di stupire e affascinare, oltre che di porre degli interrogativi sulle questioni ambientali, sul senso della raccolta differenziata, sulla riduzione dei consumi e sulla natura delle nostre scelte individuali.

La poetica che REMIDA accredita ai materiali è un invito a cercare bellezza dove non si è abituati a trovarla, suggerendo che questa sensibilità possa valere come approccio verso il mondo.

 

Fanno parte del progetto le oltre 200 aziende, industrie, e negozi del territorio reggiano che devolvono scarti di produzione e commercializzazione – individuati e raccolti da REMIDA grazie al contributo di Iren – assieme a scuole, associazioni e strutture socioeducative di Parma, Piacenza e Reggio Emilia che si avvalgono dei materiali di REMIDA per attività culturali e didattiche.

 

REMIDA fa parte della rete delle risorse educative che ruotano intorno al Centro Internazionale Loris Malaguzzi, dentro all’elaborazione di un sistema diffuso di atelier cittadini.

 

Dal 1996 a oggi sono transitati al Centro circa 810 tonnellate di scarti, contribuendo ad allungare la vita ai materiali destinati allo smaltimento.

Informiamo che in questo sito sono utilizzati “cookies tecnici” necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche “cookies di terze parti”.
Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l’informativa estesa (Clicca qui).
Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies.
Accetto